Se si parla di buona cucina e di mangiar bene, una delle prime regioni a cui pensiamo è senza dubbio l’Emilia Romagna e le sue ricette simbolo dell’Italia in tavola. Proclamata nel 2013 da Forbes la regione “dove si mangia meglio nel mondo”, l’Emilia Romagna è la terza tappa del viaggio di Adagio in questo 2019.

Un territorio composto da due regioni confinanti con storie e culture diverse, ricco di bellezze naturali e artistiche, che può beneficiare dell’influenza sia del mare che della montagna e che offre una cucina molto varia, specchio di questa anima dalle diverse sfaccettature. Nel 1860 infatti l’Emilia (comprendente le città di Modena, Reggio, Parma e Piacenza) fu annessa al Regno d’Italia, ampliando i confini amministrativi della regione e comprendendo le città di Bologna, Ferrara e l’intera Romagna.

 Specializzata soprattutto nella preparazione dei primi piatti, la cucina emiliano-romagnola è famosa in tutto il mondo per ricette come i tortellini in brodo alla bolognese, i cappellacci ripieni di zucca, le lasagne alla bolognese, il cotechino, la piadina romagnola e gli anolini, solo per citarne alcuni.

Ma a contribuire alla reputazione gastronomica della regione ci sono anche i prodotti d’eccellenza esportati e imitati in tutto il mondo come il Parmigiano Reggiano, l’aceto balsamico di Modena, il prosciutto di Parma e la mortadella di Bologna.

Di grande importanza anche la tradizione vitivinicola della regione, con una produzione di vini che si accompagna perfettamente ai piatti: dal Lambrusco al Trebbiano, passando per il Sangiovese e tutte le selezioni dei Colli.

 Vi aspettiamo per scoprire il menù regionale di Marzo!